Crea sito

Entra nel Sito del Comune cliccando sullo Stemma!

Dati Generali

Sull' estremo limite della Valle Vitulanese, là dove il maestoso Taburno presenta le sue protuberanze in massi di roccia calcarea, levigate dall'acqua e dal vento, digradando dolcemente verso il torrente Ierino, tra il verde degli ulivi e delle viti e dei caratteristici boschetti cedui, è sistemato Campoli Monte Taburno, piccolo centro della provincia di Benevento.
Disposto a forma di "T" lungo la strada provinciale Vitulanese nel braccio più lungo e sull'antica strada, oggi Corso Vittorio Emanuele, sulla quale rimane il centro storico con l'antica piazzetta dettaAriella e la Chiesa di S. Nicola da Bari, questo centro, dopo i danni provocati dal terremoto del 1980si è dato una nuova veste nella quale brillano molte abitazioni civili e gli uffici pubblici come la Scuola Elementare e Media, la Fondazione Clinica del Lavoro, la Villa Comunale e la caratteristica pavimentazione dei marciapiedi e, su in alto, dopo il cimitero, l'albergo "Costa Rama".
Ha numerose contrade sparse sulle propaggini del Taburno e nella Valle: San Nicola Vecchio, Ortelle, Marzano, Liberia, Grieci, Velarda, Pietra di Tocco, Trivella, Pantanelle ed il centro storico intorno all'Ariella e alla Chiesa di S. Nicola da Bari.
Il suo territorio confina con i Comuni di Vitulano, Apollosa, Tocco Caudio, Cautano, Montesarchio eCastelpoto e si estende su una superficie di Kmq. 9,76. La sua popolazione è di circa 1500 abitanti. Appartiene alla ASL n. 06 di Montesarchio.
La produzione è prettamente agricola. Vi si produce, infatti, un ottimo vino ed il biondo olio. 
Altitudine s.l.m.: 450 mt
Denominazione abitanti: Campolesi
Beni ambientali: boschi di Macchia Mediterranea e il Fiume Ierino, affluente di sinistra del Fiume Calore, con sorgenti sul Monte Mauro.

Specialità Locali Campolese

  • Vino ("Aglianico" e "Falanghina");
  • Pane di Campoli - Prodotto De.C.O.
  • Pasta fresca (lagane, cecatielli, orecchiette, tagliatelle);
  • Insaccati;
  • Ortaggi sott'olio; (melanzane, peperoni, fagiolini);
  • Olio d'oliva;
  • Ciliege.

Arte e Architettura

Da visitare la Chiesa di S. Nicola da Mira, risalente al '600, che custodisce alcune interessanti sculture sacre, e la Piazzetta Ariella: si tratta di un'antica struttura urbanistica che nel toponimo di "Piccola aia" riflette tempi nei quali era soltanto uno spazio tra edifici colonici. Molto caratteristico è il Centro Storico, costituito da un complesso di costruzioni in pietra calcarea che si affacciano su strette e ripide vie e scale, anch'esse pavimentate in pietrame locale.

Stemma e Gonfalone

Per la sua partecipazione alla vita della Valle Vitulanese è giusto che abbia un suostemma dal quale risulti la sua origine di centro aggregante di culture diverse. Il Comune di Campoli del Monte Taburno ha un proprio stemma così come attualmente definito e riconosciuto nell’apposito Decreto del Presidente della Repubblica dello03/07/1958 secondo la seguente descrizione: "D’azzurro al massiccio montuoso al naturale sorgente dalla punta accompagnato in capo da tre stelle d’argento male ordinate ed attraversato da una fascia d’argento caricata dalle lettere maiuscole CAM di nero, accostate da due stelle d’azzurro. Ornamenti esteriori da Comune".

Il Gonfalone secondo la definizione del medesimo Decreto presidenziale è: "Drappo di colore azzurro, riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con l’iscrizione centrata in argento: COMUNE DI CAMPOLI DEL MONTE TABURNO. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto azzurro con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri ricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento”.
La motivazione della scelta dello stemma è contenuta nella deliberazione consiliare n.7 dello02/03/1958: "Rifacendosi a tradizioni avite e alla maestosità del Taburno che il Comune di Campoli incastona nel verde splendido della sua corolla"